Vai al contenuto
Home » Blog » Come investire in carne coltivata sintetica e artificiale da laboratorio

Come investire in carne coltivata sintetica e artificiale da laboratorio

  • di
donna carne sintetica laboratorio

In questa guida parleremo di dove e come investire in carne coltivata da laboratorio.

La sostenibilità sta diventando sempre più importante dato che la popolazione mondiale continua a crescere in modo accelerato e l’allevamento animale non è più una soluzione sostenibile.

L’industria della carne coltivata in laboratorio sta lavorando per contribuire a rispondere alle esigenze alimentari del mondo in modo più ecologico.

Le startup tecnologiche e gli scienziati stanno facendo investimenti significativi nella carne coltivata in laboratorio man mano che aumenta l’interesse per il settore.

Il mercato della carne coltivata da laboratorio è sostenuto dalla crescente preoccupazione per l’impatto ambientale del bestiame, un segmento che rappresenta circa il 15% delle emissioni globali di gas serra (CO2) generato dagli esseri umani.

Con la crescita della popolazione mondiale e la richiesta di più cibo, la carne coltivata in laboratorio, chiamata anche carne coltivata o sintetica artificiale, potrebbe diventare una opzione importante della nostra dieta.

In effetti, abbiamo già visto la prima vendita di pollo coltivato negli Stati Uniti, un primo passo importante per il mercato.

Tuttavia, la prospettiva di questa carne 2.0 può sollevare molte domande per chi non ha familiarità con questo prodotto.

Allora, cos’è la carne coltivata in laboratorio e come si può investire in questo settore emergente?

 

Cos’è la carne coltivata in laboratorio?

Da non confondere con le alternative alla carne di origine vegetale (come gli hamburger di Impossible Burger o Beyond Burger), la carne coltivata in laboratorio è vera carne.

Tuttavia, a differenza della carne tradizionale, prodotta dall’allevamento e dalla macellazione degli animali, questa carne viene coltivata in laboratorio utilizzando cellule originariamente derivate da animali vivi.

Qui di seguito riportiamo una spiegazione semplificata del processo di creazione della carne sintetica da laboratorio.

Innanzitutto, un tecnico ottiene un campione di cellule da un animale vivo o un uovo fecondato nel caso di un pollo.

Queste cellule vengono poi messe in un bioreattore contenente un terreno di coltura con tutti i nutrienti necessari per la crescita, e le cellule crescono e si moltiplicano al suo interno per produrre tessuto muscolare.

Infine, la carne viene raccolta e trasformata in vari prodotti a base di carne, tra cui polpette, salsicce, bistecche, crocchette, ecc.

La forma risultante della carne è influenzata sia dal tipo di terreno di coltura utilizzato, sia dall’uso di un materiale commestibile denominato impalcatura che aiuta a modellare la struttura del prodotto nella forma desiderata.

La carne coltivata in laboratorio presenta numerosi vantaggi rispetto alla carne tradizionale.

La carne coltivata utilizza meno risorse del pianeta, produce significativamente meno gas serra e non richiede l’allevamento e nemmeno la macellazione di animali per crearla.

Un altro vantaggio è che è possibile modificare grassi, proteine e altri nutrienti durante la produzione di carne coltivata in laboratorio.

Al contrario, il profilo nutrizionale della carne tradizionale da allevamento è determinato dalla razza dell’animale, dalla sua dieta e da fattori come il clima.

 

Quanto è grande il mercato della carne coltivata in laboratorio?

Il mercato della carne coltivata è in rapida crescita e si prevede che continuerà ad espandersi.

Nel 2023, il suo valore era pari a più di 250 milioni di dollari e gli esperti del settore prevedono che crescerà a un tasso di crescita annuo composto del 50% dal 2023 al 2030.

Questi numeri impressionanti riflettono la crescente domanda di sistemi alimentari sostenibili e i progressi nelle proteine alternative.

La carne coltivata in laboratorio dovrebbe essere un alimento base nel nostro supermercato, e lo sviluppo della tecnologia ha già fatto molta strada: il primo hamburger di carne coltivata in laboratorio ha debuttato nel 2013 e la sua produzione è costata l’incredibile cifra di 330.000 dollari.

Oggi, tuttavia, le aziende hanno ridotto i costi di produzione dei loro prototipi del 99%.

Inoltre nel 2023 è stato superato un grosso ostacolo per il settore negli Stati Uniti.

Due aziende americane, Upside Foods e GOOD Meat, hanno ricevuto l’autorizzazione dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti per produrre le loro proteine cellulari, in particolare dei prodotti a base di pollo coltivato.

Le società avevano precedentemente ricevuto l’autorizzazione dalla Food and Drug Administration statunitense, l’altra agenzia che supervisiona questo settore in via di sviluppo.

Entrambe le società stanno introducendo i propri prodotti attraverso partnership con ristoranti specifici prima di portare le loro offerte al mercato più ampio.

Upside collabora con lo chef Dominique Crenn, che ha servito il pollo coltivato dell’azienda per la prima volta il 1° luglio al Bar Crenn, segnando la prima vendita di carne coltivata negli Stati Uniti.

Pochi giorni dopo, lo chef José Andrés ha lanciato il pollo coltivato GOOD Meat nel suo ristorante China Chilcano.

I prodotti GOOD Meat sono già disponibili a Singapore, dove l’azienda ha ottenuto la prima approvazione per la carne coltivata in laboratorio nel 2020.

Purtroppo in Italia il settore è fortemente osteggiato dalle lobbies dell’allevamento e facendo pressioni sul governo, sono riuscite a stoppare per alcuni anni lo sviluppo di tale mercato in Italia.

Ma di certo queste società innovative cresceranno nei decenni a venire anche sul territorio italiano.

 

Normativa italiana sulla carne sintetica: quale impatto in Europa?

Dal novembre scorso, l’Italia ha vietato la carne sintetica nel tentativo di proteggere il suo patrimonio agroalimentare e la salute dei cittadini.

Tuttavia, mentre il paese si impegna in questa direzione, sorge la domanda su come l’Europa risponderà a questa mossa.

Secondo il Parlamento italiano, la carne sintetica minaccia la salute e l’integrità dei nostri prodotti alimentari, portando all’approvazione di una legge che ne proibisce la produzione e la vendita.

Questa decisione non è passata inosservata a Bruxelles, dove si discute della possibilità di avviare una procedura di infrazione contro l’Italia, poiché il divieto potrebbe violare la libera circolazione delle merci tra gli Stati membri dell’Unione.

Ma cosa comporta esattamente questa nuova legge?

Oltre al divieto della carne sintetica, vengono colpite anche altre categorie di alimenti e mangimi derivati da colture cellulari o tessuti animali, insieme a un divieto sull’uso del termine “carne” per prodotti contenenti solo proteine vegetali, in linea con il principio di precauzione.

Questo dibattito non riguarda solo l’Italia, ma solleva domande importanti su come l’Europa affronterà la sfida della carne sintetica e dei prodotti a base vegetale che tentano di imitarla.

Con implicazioni che vanno oltre i confini nazionali, la discussione su questo tema rimane cruciale per il futuro dell’industria alimentare europea.

 

La carne coltivata non è plant based o vegetale

Invece di allevare animali per ottenere la nostra proteina quotidiana, ora possiamo produrre carne utilizzando cellule staminali animali in un ambiente di laboratorio controllato.

Ma non chiamiamola semplicemente ‘carne sintetica’, perché la comunità scientifica preferisce definizioni più precise come ‘carne coltivata’, ‘carne a base cellulare’ o ‘carne in vitro’.

Questo processo avveniristico di bioingegneria coinvolge il prelievo di cellule di tessuto dagli animali, che vengono quindi coltivate e moltiplicate in un substrato appositamente creato.

Il risultato?

Una carne che non richiede sacrificio animale, prodotta con tecniche all’avanguardia come la stampa 3D alimentare.

Ma le meraviglie del laboratorio non si fermano qui.

Questa stessa tecnologia può essere applicata alla produzione di latti e formaggi alternativi, utilizzando batteri geneticamente modificati per replicare la consistenza e i sapori che amiamo.

È importante notare che la carne coltivata non è da confondere con le diete plant based, che si basano interamente su alimenti di origine vegetale come verdure, legumi, frutta e semi.

La carne coltivata offre un’alternativa promettente per coloro che desiderano ridurre il loro impatto ambientale e rispettare gli animali, senza rinunciare al gusto e alla texture della carne tradizionale.

 

La carne coltivata in Unione Europea

È cruciale valutare l’impatto della potenziale approvazione dei cibi sintetici da parte dell’Unione Europea.

L’EFSA, con sede a Parma, ha il compito di verificare e concedere l’autorizzazione alle aziende interessate, come ha fatto con la richiesta di Infamily Foods per le salsicce di carne coltivata nel settembre 2023.

Tuttavia, concedere l’approvazione potrebbe aprire le porte a un nuovo mercato della carne a base cellulare, con un valore stimato di circa 25 milioni di euro a livello mondiale.

Questo potrebbe portare alla creazione di una nuova normativa europea, che avrebbe effetto su tutti gli stati membri, relegando la normativa italiana a un ruolo marginale.

In Italia, il dibattito è acceso: da un lato, il coro del “No al cibo artificiale” sostiene che i prodotti dovrebbero provenire dalla campagna e non da laboratori.

Dall’altro, sorgono domande sulle pratiche degli allevamenti intensivi e sul loro impatto sulla salute pubblica e sull’identità agroalimentare nazionale.

È un momento cruciale per riflettere sul futuro dell’industria alimentare europea e sulle sue implicazioni per la salute, l’ambiente e l’identità culturale.

 

Dove comprare azioni di carne coltivate in laboratorio

Puoi acquistare facilmente azioni di carne artificiale in un paio di semplici passaggi e in pochi minuti.

La nostra scelta tra le piattaforme di trading online consigliate è:

Demo gratis

Licenza CySEC

Dep Min 100$


Il 51% dei conti CFD al dettaglio perdono denaro

  • Oltre 30 milioni di conti registrati;
  • Negoziazione di azioni ed ETF senza commissioni;
  • Oltre 2.000 azioni da ben 17 borse internazionali;
  • Azioni frazionarie disponibili;
  • Strumenti grafici;
  • Piattaforma intuitiva.

 

Migliori piattaforme per il trading e gli investimenti azionari a livello mondiale

Demo gratis

Licenza CySEC

Dep Min 100$


Il 51% dei conti CFD al dettaglio perdono denaro

Demo, conto pro, crypto wallet

Licenza BaFin tedesca

Dep Min 100$

Il 80,07% dei conti CFD al dettaglio perde denaro

Demo, conto pro, leva personalizzata

bonus NO ESMA

MiFID, Banca d'Irlanda, CONSOB

Dep Min 100€

Il 76% dei conti CFD al dettaglio perde denaro

Demo gratis

Licenza CySEC

Nessun Deposito Minimo

Il 77% dei conti CFD al dettaglio perde denaro

Broker ECN, Criptovalute, +9000 tra Indici, azioni azioni Indici ETF

Licenza CySEC

Dep Min 50€

Il tuo capitale è a rischio

Broker ECN, IPO, azioni, opzioni

Dep Min 1€

Licenza CySEC

Il tuo capitale è a rischio

Broker Forex, azioni, crypto, opzioni

bonus NO ESMA

Licenza FMRRC

Dep Min 5$

Il tuo capitale è a rischio

 

Come investire in azioni di carne coltivata in laboratorio: passo dopo passo

Se vuoi scoprire il processo di investimento in alcuni dei migliori stock di carne artificiale, segui la nostra guida passo passo.

 

Passaggio 1: apri e finanzia il tuo conto

Dopo aver scelto la piattaforma di investimento, crea e verifica il tuo nuovo account. La piattaforma ti invierà via email le istruzioni corrette in pochi minuti.

Una volta completata la verifica dell’account, dovresti depositare dei fondi per prepararti ad acquistare scorte di carne coltivate in laboratorio. I metodi di finanziamento comunemente disponibili includono bonifici bancari, carte di debito o credito e servizi di transazione come PayPal.

 

Passaggio 2: decidi quanto vuoi investire in azioni di carne coltivate

Non investire mai ciò che non puoi permetterti di perdere.

 

Passaggio 3: effettua l’ordine e compra azioni di carne coltivate

Successivamente viene effettuato un ordine e acquistato le azioni.

Procedi nel seguente modo:

  1. Accedi al tuo conto e trova il simbolo del titolo desiderato;
  2. Inserisci l’importo in contanti o il numero di azioni che desideri acquistare;
  3. Seleziona il tipo di ordine (ordine di mercato o ordine limite) ed effettualo;
  4. Conferma l’ordine di trading.

Oltre alle azioni di carne artificiale menzionate prima, dovresti anche considerare di investire nelle seguenti scorte alimentari sostenibili e di origine vegetale.

 

Pro e contro di investire in azioni di carne coltivata in laboratorio

Cominciamo ad elencare quelli che sono i vantaggi di investire in carne coltivata.

 

Pro:

Benessere degli animali: le aziende produttrici di carne coltivata in laboratorio producono carne coltivata senza allevare e macellare animali, eliminando potenzialmente la maggior parte delle preoccupazioni etiche legate al benessere degli animali;

Sostenibilità: la carne coltivata necessita di meno risorse come terra, acqua ed energia e produce minori emissioni di gas serra rispetto all’agricoltura animale tradizionale;

Considerazioni sulla salute: la carne coltivata cresce in un ambiente controllato, il che può ridurre il rischio di malattie associate alla produzione tradizionale di carne. Inoltre, consente la personalizzazione del contenuto nutrizionale del prodotto finale;

Potenziale di mercato: poiché la domanda di carne continua ad aumentare a livello globale, la carne artificiale rappresenta una potenziale opportunità di mercato. Anche il crescente interesse degli investitori per le opzioni alimentari sostenibili ed etiche contribuisce al settore.

 

Contro:

Accettazione dei consumatori: i fattori sociologici e culturali influenzano in modo significativo le scelte alimentari. Convincere i consumatori ad abbracciare la carne coltivata in laboratorio come alternativa alla carne tradizionale può essere una sfida;

Sfide tecnologiche: la produzione di carne artificiale è ancora nelle prime fasi di sviluppo, con numerose sfide tecnologiche. La scalabilità, il rapporto costo-efficacia e l’efficienza produttiva devono essere migliorati prima che la carne artificiale possa diventare praticabile;

Costi: attualmente la carne coltivata è molto più costosa della carne tradizionale. Raggiungere la competitività in termini di costi è fondamentale per un’adozione diffusa e il successo sul mercato;

Approvazione normativa: il panorama normativo per la carne coltivata è ancora in evoluzione. Garantire l’approvazione normativa e superare le barriere legali può richiedere tempo e può rappresentare un rischio per gli investitori.

 

Chi investe nella carne coltivata in laboratorio?

Molte aziende che lavorano nel settore della carne coltivata in laboratorio sono ancora private, quindi non operano in borsa.

Tuttavia, sono aperti agli investimenti privati, il che rappresenta un’opportunità unica per gli investitori di private equity di fornire finanziamenti iniziali.

Attualmente ci sono meno di 100 startup nel settore della carne coltivata.

In termini di investimenti in queste startup, alla fine del 2023 sono stati investiti in queste società un totale di 3 miliardi di dollari, di cui 896 milioni di dollari solo nel 2022.

Gli investimenti nel settore provengono da una vasta gamma di fonti.

I principali attori del settore delle proteine animali, come Tyson (NYSE:TSN) e Nutreco, nonché investitori rinomati come Temasek e SoftBank Group (TSE:9984), hanno mostrato interesse a sostenere questo settore emergente fornendo sostegno finanziario.

Anche i fondi sovrani, le società di venture capital e gli investitori privati hanno dato un contributo significativo, insieme ai principali attori dell’industria della carne convenzionale.

Ad esempio, l’Abu Dhabi Growth Fund e Temasek Holdings hanno condotto un round di finanziamento per Upside, con il supporto di Bill Gates, SoftBank, Cargill e Tyson Foods.

Anche il sostegno del governo è evidente, con paesi come Israele e Paesi Bassi che forniscono sovvenzioni e finanziamenti alle aziende produttrici di carne e agli istituti di ricerca.

Anche chef famosi, celebrità e attivisti sostengono il settore.

Come accennato in precedenza, gli chef José Andrés e Dominique Crenn hanno iniziato a servire carne coltivata nei loro ristoranti e individui come Ashton Kutcher, Mark Cuban e Leonardo DiCaprio hanno fatto investimenti e partnership nel settore.

 

Come investire nella carne coltivata?

Fortunatamente per gli investitori al dettaglio, ci sono alcune società pubbliche attraverso le quali ottenere esposizione al settore della carne coltivata in laboratorio.

Alcune di queste aziende sono:

Steakholder Foods (NASDAQ:STKH) — La startup israeliana Steakholder Foods, che ha cambiato nome da Meatech 3D lo scorso anno, utilizza le sue biostampanti 3D proprietarie per creare carne da cellule animali coltivate. La società è stata quotata in borsa nel maggio 2021 ed è quotata al NASDAQ.

CULT Food Science (CSE:CULT,OTCQB:CULTF) — CULT Food Science investe a livello globale in aziende innovative di agricoltura cellulare, formando partnership per la fornitura di ingredienti e lo sviluppo di prodotti in settori alimentari come quello della carne e dei latticini, tra gli altri.

Agronomics (LSE:ANIC,OTC Pink:AGNMF) — Agronomics è una società di investimento focalizzata su aziende private nei settori dell’agricoltura cellulare e della carne coltivata. Ciò significa che investire in Agronomics offre esposizione al proprio portafoglio, che comprende aziende produttrici di carne come SuperMeat, Meatable, BlueNalu, Mosa Meat e CellX.

 

Conclusioni forum italiano

La carne coltivata in laboratorio ha l’entusiasmante potenziale di replicare il gusto e la consistenza della carne tradizionale, e la tecnologia apre anche possibilità per lo sviluppo di prodotti a base di carne nuovi e unici.

Sebbene il settore sia ancora nelle sue fasi iniziali, il potenziale di mercato previsto è sostanziale.

Gli investitori interessati a partecipare al settore della carne coltivata in laboratorio possono esplorare strade come investire in startup, aziende coinvolte nella catena di approvvigionamento o fondi di investimento specializzati focalizzati su proteine alternative.

Rimanere informati sugli sviluppi normativi, sui progressi scientifici e sulle tendenze del mercato sarà fondamentale per identificare opportunità di investimento promettenti.

Autore

  • Gianluca

    Appassionato di finanza fin dai suoi anni universitari, Gianluca ha ottenuto una laurea in Finanza. Le sue competenze accademiche si sono evolute in una carriera nell'ambito finanziario, ma è sul web che ha trovato la sua voce. Gianluca offre approfondimenti su temi finanziari, traducendo concetti tecnici in contenuti accessibili per un vasto pubblico.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

comments powered by Disqus

Investi in Intelligenza Artificiale !