I segnali di trading di oggi e le news per guadagnare con il Forex

Strategia treding forex gratis
Segnali di trading ore 11 am GMT+2
Era una vittoria annunciata quella di Matteo Renzi al suo primo appuntamento al Consiglio Europeo iniziato ieri a Ypres. La bozza del comunicato finale recita proprio che “le possibilità offerte dalle attuali regole per bilanciare la disciplina fiscale con la necessità di sostenere la crescita devono essere utilizzate”. 
 
Tradotto: si compie un baratto tra riforme e deroga sui tempi per la riduzione del deficit e del debito. Una doppia vittoria per il premier italiano che oltre a mostrare i muscoli inflazionati dal consenso popolare in patria tira un gancio sinistro all’euroscetticismo dilagante in tutto il vecchio continente con il favore interessato della nuova alleata Angela Merkel che si è dovuta arrendere all’evidenza della necessità di favorire e sostenere la crescita in ogni modo. Sembra che dopo anni di lacrime e sangue, austerità sia diventata una parola tabù: ma vogliamo scommettere che la locomotiva d’Europa continuerà a vigilare.
 
Tripla vittoria se si pensa anche che alla vigilia del semestre di presidenza italiana il paese si ritrova ad avere un ruolo fondamentale come “protettore” (di medievale memoria) dell’unione in quanto a capo della più ampia rappresentanza europarlamentare di impostazione pro-europea. 
 
Le notizie di oggi per guadagnare con il Forex:
Si inizia alle 10:30 con I dati sul PIL nel Regno Unito atteso stabile a 0.8% per la lettura trimestrale e a 3.1% per la lettura anno su anno. Nel pomeriggio invece alle 15:55 invece l’indice Michigan sulla fiducia dei consumatori atteso in rialzo a 82.2 rispetto al precedente a 81.2. 
 
Strategia segnali trading forex gratis
Segnali trading Forex ore 11 am GMT+2
EUR/USD 
I dati americani usciti nel pomeriggio di ieri non erano niente di speciale: la pubblicazione in linea con le attese o poco inferiore non sembra giustificare il ribasso che ha portato il rapporto tra moneta unica e biglietto verde sotto la soglia di 1.36 fino a 1.3570. Infatti già nella notte EURUSD è risalito sopra il livello chiave per poi ritornare nelle prime ore di oggi a quota 1.3620. La moneta unica, lontana dall’apogeo che l’aveva portata a 1.70, continua a mostrare i muscoli forte anche di una BCE che dimostra molto più criterio che l’equipollente americana. Dal punto di vista tecnico l’attesa è per una lateralizzazione “volatile” all’interno del range 1.3600 – 1.3650 in attesa dei dati americani elaborati dall’università del Michigan in uscita nel pomeriggio. 
 
GBP/USD 
Ormai sembra tracciato il destino della sterlina dopo che Carney ha dato il suo personale contributo ieri mattina sottolineando come la maggior parte del programma di quantitative easing inglese sia andato nel mercato immobiliare gonfiando una bolla (o meglio un bubbone) che ora il nostro buon Mark provvederà a far sgonfiare in modo ordinato. Ovviamente il cable ha accolto positivamente la notizia di un riordino forzato a guida Bank of England di un evento che poteva contribuire a creare un grosso problema in terra d’Albione portandosi fino a 1.7050 salvo poi scendere in queste prime ore di contrattazioni in Europa a 1.7020. Il quadro tecnico è comunque sembre bel delineato e rialzista con un nuovo elemento ovvero il doppio test della resistenza a 1.7050 che sembra ostare ad ulteriori rialzi. 
 
USD/JPY
Shinzo Abe stanotte andrà a dormire col sorriso dopo che i dati usciti in Giappone hanno restituito un’immagine di un paese con un’economia in decisa ripresa con il tasso di disoccupazione che scende al 3.5% e le vendite al dettaglio che fanno registrare un -0.4%, decisamente migliore delle attese a -1.8%. Una vittoria per le Abenomics termine che coniuga Abe il cognome del primo ministro del Sol Levante e il suffisso della parola inglese economics (politiche economiche ndr) e che porta finalmente lo Yen in trend rialzista con USD/JPY che scende da 101.70 a 101.30 salvo poi risalire di una decina di pips e inquadrarsi finalmente in un canale ribassista.
bonus senza deposito per opzioni binarie
comments powered by Disqus