I segnali di trading Forex: le ultime euro news

Segnali treding gratis
Segnali trading ore 11 am GMT+2
Il guardiano della locomotiva d’Europa, Angela Merkel, ha smesso di abbaiare austerità e rigore, per lasciarsi andare ad una linea più morbida. Dopo anni a frustate di interventi sui conti, riduzione della spesa, i popoli di mezza Europa hanno espresso nelle urne il loro dissenso. Angela Merkel ne esce indebolita, l’Europa ne esce indebolita per cui è fondamentale cambiare strategia di marketing. 
 
E ciò si concretizza con un approccio più ragionevole: una terapia meno germanocentrica con più attenzione ai periferici, senza dimenticare di dare il giusto peso ai trionfatori delle elezioni europee. Spunta quindi il nome di Federica Mogherini a commissario per la politica estera e la sicurezza: altra novità che spinge nella direzione di un’unione più forte e coesa. Non va dimenticato che dopo tutto la crisi ha fatto venire a galla il problema sostanziale dell’unione delle nazioni del vecchio continente: la questione politica. 
 
I movimenti del mercato di oggi:
Giornata intensa sul fronte dati macro in apertura alle 10:00 in Europa con il dato sull’indice IFO tedesco sulla fiducia delle imprese atteso in lievissima flessione a 110.2 rispetto al precedente a 110.4. 
 
Alle 10:30 il discorso del governatore della Bank of England Carney terrà calamitata l’attenzione dopo le uscite dei giorni scorsi sulle prospettive legate al rialzo dei tassi. 
 
Alle 14:05 conferenza stampa del membro del FOMC Plosser.
 
Alle 16:00 l’indice CB sulla fiducia dei consumatori americani atteso a 83.5 in rialzo rispetto al precedente fermo a 83.0. Alla stessa ora sempre negli Stati Uniti il dato sulle vendite di nuove case, dato atteso in recupero a 440 mila unità rispetto alle 433 mila della lettura precedente. 
 
bonus senza deposito per opzioni binarie
Segnali forex gratis
Segnali trading Forex ore 11 am GMT+2
EUR/USD 
L’indice IFO tedesco ha fatto registrare una discesa, seppur marginale, a 109.7 contro il dato precedente a 110.4 e sotto le attese a 110.2. La moneta unica comunque sembra non risentirne rimanendo ancorata a 1.3600 in concomitanza dell’incrocio del canale tecnico rialzista e del livello chiave (grafico). Non mutano quindi le condizioni macroeconomiche né quelle tecniche di EUR/USD che rimane inquadrato all’interno del nostro canale tecnico, seppur scambiando nella parte bassa. L’attesa si sposta quindi al pomeriggio con i dati americani. 
 
GBP/USD 
La sterlina è ferma a 1.7030 sui livelli dove l’abbiamo lasciata ieri in attesa del discorso di Carney, governatore della Bank of England oggi alle 10:30. L’allentamento del trend rialzista è un fattore fisiologico in queste situazioni, anche se l’accumulo in quest’area non tradisce la visione ancora rialzista della moneta di Sua Maestà. Sarà comunque importante assistere all’uscita dei dati di oggi in America e soprattutto vedere come i mercati reagiranno alla conferenza stampa. 
 
USD/JPY 
Niente di nuovo nemmeno sul fronte Yen che si mantiene ancorato a 102 contro biglietto verde. L’assenza di dati e la generale interlocutorietà della situazione geopolitica di queste ore non hanno permesso la presa di direzione. Trend che comunque dovrebbe partire a breve, già dal pomeriggio con i dati americani e in previsione della sessione di contrattazioni notturna in Asia. Dal punto di vista tecnico il trend è ancora ranging (laterale ndr) con banda di oscillazione prevista all’interno dell’intervallo 101.70 e 102.20.
comments powered by Disqus