Le ultime news dalla BCE per guadagnare con il Forex

Segnali trading gratis
Segnali trading Commodities ore 12 GMT
Sembrerà un patto segreto, ma in realtà, è sotto gli occhi di tutti: il nuovo asse Londra-Francoforte è stato anche oggetto di discussione alla conferenza stampa a margine della decisione sui tassi d’interesse della BCE: tra lusinghe, "furti" d'idee e trame politiche i prossimi passi delle due banche centrali sembrano legato a doppia mandata.
 
Sì perchè da Londra hanno trovato in Mario Draghi un alleato silente: perché da mesi l’osservato speciale è l’inflazione e la BCE, dopo ieri, ha dimostrato di voler fare di tutto per supportare l’obiettivo di inflazione stabilito per essere inferiore ma prossimo al 2%. E questo ha comportato l’acquisizione di tutte le misure annunciate ieri che ricordiamo: 1. Taglio dei tassi con il refi a 0.15% e l’overnight a -0.10%, 2. Meccanismo LTRO esteso fino a tutto il 2016 e 3. Possibilità di acquistare ABS con sottostante prestiti alle imprese con la condizione che questi siano costruiti in modo semplice e trasparente.
 
A Londra, gli intrighi politici vogliono che il MPC (monetary policy committee ndr) si sia diviso sul mantenimento dei tassi invariati allo 0.5%, ma che il governatore Carney stia giocando di rimessa attendendo che le misure adottate dall’equipollente Draghi indeboliscano la moneta unica favorendo pressioni inflazionistiche nel Regno Unito, che potrebbe evitare momentaneamente il rialzo dei tassi, che tuttavia secondo gli analisti verrà rivisto al rialzo di 25 basis point entro Maggio 2015.
Si stanno iniziando a scoprire le carte quindi delle trame politiche delle banche centrali che non ragionano più in ottica autarchica, ma con un occhio di riguardo le une alle altre.
 
Le notizie che fanno muovere il mercato
Alle 10:30 nel Regno Unito il dato sulla bilancia commerciale attesa a -8.65 miliardi contro il dato precedente a -8.48 miliardi. Alle 14:30 la variazione del numero di occupati in Canada attesa in rialzo di 25 mila unità rispetto al tonfo di -28.9 mila unità della rilevazione precedente per un tasso di disoccupazione atteso a 6.9% in linea con il dato precedente. Alla stessa ora il dato trimestrale sulla produttività atteso in flessione a 0.7% rispetto al 1.0% della lettura precedente.
 
Negli Stati Uniti alle 14:30 altri dati sullo stato del mercato del lavoro con i non farm payrolls attesi a 218 mila unità, in ribasso rispetto al dato precedente a 288 mila unità, mentre i payrolls non agricoli per il settore privato sono attesi a 210 mila unità rispetto a 273 mila unità del dato precedente per un tasso di disoccupazione atteso in lieve rialzo a 6.4% rispetto al risultato precedente a 6.3% che aveva lasciato tutti a bocca aperta.
 
Nella notte alle 4:00 dati cinesi sulla bilancia commerciale con le esportazioni attese in forte recupero a 6.6% rispetto al deludente 0.9% precedente, le importazioni seguono lo stesso trend attestandosi a 6.1% rispetto al precedente a 0.8% per una bilancia commerciale attesa a 22.60 miliardi rispetto al dato precedente a 18.45 miliardi.
 
bonus senza deposito per opzioni binarie
Segnali trading gratis
Segnali trading Forex ore 12 GMT

EURUSD

Movimento ossessivo compulsivo per la moneta unica che all’uscita del dato ha fatto un bello scherzo a tutti. Infatti il movimento iniziale delle 13:45 che ha portato l’Euro fino a 1.3570 contro biglietto verde era ingiustificato considerate le variabili note in quel momento. La prosecuzione fino al nostro livello tecnico tracciato due settimane fa (grafico) a 1.3505 è stato toccato invece più tardi durante la conferenza stampa. Tuttavia, la nostra view iniziale ovvero di una immotivata discesa della moneta unica contro biglietto verde era corretta poiché Mario Draghi non ha portato elementi di novità rispetto a quanto annunciato un mese fa e rispetto a quanto scontato durante le scorse settimane. Atteso quindi il ritorno sopra 1.36 con il massimo a 1.3650. La presenza di dati importanti americani sull’occupazione in uscita nel pomeriggio per cui prevediamo l’uscita inferiore al consenso di merc! ato potrebbe portare ad un ulteriore marginale rafforzamento della moneta unica in fine di settimana.

 

GBPUSD

Una sorpresa che non sa di sorpresa il recupero della sterlina inglese fino a quota 1.68 contro dollaro americano, movimento guidato in larga parte dalla moneta unica, anche in previsione dei dati di domani sulla situazione occupazionale americana che, dovessero seguire il trend, sono attesi inferiori al consenso di mercato. Sul fronte politica monetaria, come discusso nell’introduzione, da parte di Carney c’è stato un nulla di fatto che arriva però in un clima fortemente attendista su un possibile rialzo dei tassi. Dal punto di vista macro, la Gran Bretagna è comunque tra le economie più forti del Vecchio Continente e tale condizione non tarderà a farsi sentire con un rialzo dei valori attuali anche dal punto di vista tecnico.

 

USDJPY

Lo Yen giapponese si apprezza nella notte su un dato il Leading Index (indicatore generale aggregato di 12 indicatori economici principali) uscito in recupero rispetto al precedente a 106.6 rispetto alle attese a 106.2. Tuttavia, c’è anche una componente di debolezza di dollaro sulle attese dei dati sull’occupazione in uscita oggi non proprio rosee e di rimando da ieri dopo la decisione della BCE che ha spinto al ribasso il dollaro statunitense e una buona performance dell’azionario con l’indice Nikkei che guadagna 2.17% nella notte. Le attese sono per una prosecuzione del trend con prossimo supporto in area 102 dove si incrociano il livello statico e la nostra trendline rialzista di medio periodo.

 

Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana, è semplicemente gratis!

 
comments powered by Disqus

Scrivi commento

Commenti: 0