Vuoi sapere le ultime notizie di oggi ed imparare a tradare? Segui i video corsi gratis

Corsi Forex del valore di € 50 gratis per te !!! Iscriviti
Corsi Forex del valore di € 50 gratis per te !!! Iscriviti

La giornata di ieri è stata priva di particolari spunti: senza dati in uscita per le principali macroaree economiche occidentali, la giornata è passata in modo un po’ sonnolento.

 

Market Movers

La giornata inizia con l’idice ZEW tedesco sul sentiment economico in germania atteso alle 11:00 in discesa a 41.0 rispetto al precedente a 43.2. Sale invece la proiezione dell’indice ZEW aggregato della zona Euro, sempre atteso alle 11:00 in rialzo a 63.5 rispetto alla lettura precedente a 61.5.

 

Alle 14:30 le vendite al dettaglio in america attese in lieve flessione a 0.6% rispetto al precedente a 0.7% per il dato core mese su mese, mentre per il dato generale sono attese con una discesa più significativa a 0.4% rispetto al 1.2% della rilevazione precedente.

 

Alle 23:00 il discorso del governatore della banca centrale neozelandese (Reserve Bank of New Zealand) Wheeler che precederà l’uscita dei dati sulle vendite al dettaglio trimestrali attese a 0.9% rispetto al dato precedente a 0.9% (componente core) e 1.2% (componente generale).

 
bonus senza deposito per opzioni binarie
Analisi tecnica ore 12,15
Analisi tecnica ore 12,15


EURUSD

Come avevamo sottolineato ieri prosegue nelle prime ore di oggi il trend laterale della moneta unica contro biglietto verde che sembra attendere il rilascio dei dati europei in mattinata con l’indice ZEW sulla fiducia nel comparto economico alle 11:00 e quelli americani del pomeriggio alle 14:30 con le vendite al dettaglio. In entrambi i casi è previsto un po’ di volatilità sui mercati, anche se la macronotizia di un possibile taglio dei tassi a giugno sicuramente governerà i movimenti più importanti. Dal punto di vista tecnico, non essendosi delineato un vero e proprio trend, ma un grosso movimento al ribasso alla fine della scorsa settimana è facile che il movimento di questi giorni sia determinato dal raggiungimento dei supporti e resistenze fissi a 1.3750 e 1.37 per un movimento al ribasso e 1.38 al rialzo.


USDJPY

Dati in linea con le attese quelli usciti stanotte in Giappone dove il dato su M2 è uscito in linea con le attese, così come poco discostante dalla lettura precedente è anche il dato sul tasso d’interesse sui titoli di stato nipponici trentennali. Ne giovano i mercati azionari del Sol Levante con l’indice Nikkei della borsa di Tokyo che chiude la seduta tonico a +1.95%. Di conseguenza si deprezza USDJPY che sale da 102 (livello fisso) a 102.30 dove sta scambiando in queste ore. Prossima resistenza a 102.50, supporto a 102.


AUDUSD

Anche in questo caso avevamo detto ieri che ci trovavamo in presenza di una fase di accumulo e che il trend rialzista di medio periodo sarebbe stato facile da violare e così è stato: complici i dati cinesi che, seppur poco discostanti dalle attese, si rivelano un po’ deludenti. La tigre asiatica pare quasi soffrire di un eccesso di ottimismo per cui per ogni dato che esce, seppur decente, l’aspettativa reale del mercato era nettamente superiore.

La produzione industriale in Cina ha mostrato ad aprile un rialzo dell'8,7% su base annuale, contro il +8,8% del mese precedente. Il dato è sotto le attese degli analisti che si aspettavano un aumento della produzione industriale dell'8,9% annuo.


Telecom Italia: utile netto scende a 222 milioni nel I trimestre, sotto le attese.

Telecom Italia ha archiviato il primo trimestre con un utile netto in calo del 39% a 222 milioni di euro contro i 364 milioni riportati nello stesso periodo dell'anno scorso. Il risultato è sotto le attese degli analisti ferme a 337,7 milioni di euro. In calo dell'11,9% i ricavi ammontati a 5.188 milioni rispetto ai 5.889 milioni di dodici mesi fa. In termini di variazione organica, calcolata escludendo l'effetto della variazione de! i tassi di cambio e del perimetro di consolidamento, i ricavi consolidati sono scesi del 6,2%. L'Ebitda è diminuito dell'8,4% a 2.200 milioni (-5,7% in termini organici). L'indebitamento finanziario netto rettificato a fine 2014 è di 27.529 milioni, in diminuzione di 1.238 milioni rispetto al primo trimestre del 2013. Il dato però risulta in aumento per 722 milioni rispetto al 31 dicembre 2013 (26.807 milioni).

avatrade
comments powered by Disqus