Forex, Facebook e Nuova Zelanda: queste le news di oggi per tradare e guadagnare facile

Analisi tecnica forex gratis
Sommario tecnico ore 12,15
Niente di nuovo sul fronte occidentale. Tutti i dati macroeconomici previsti per ieri si sono palesati in linea con le attese o leggermente migliori come il dato tedesco sulla fiducia del settore manifatturiero della locomotrice europea. Fanalino di coda da oltre oceano dove il dato sulle vendite di nuove case ha fatto registrare una brusca frenata a 384 mila unità contro le attese a 450 mila, di poco superiori alla rilevazione precedente.
Come da attese anche la Nuova Zelanda dove la Reserve Bank of New Zealand, la banca centrale dei kiwi, ha alzato come da attese i tassi di riferimento di un qurto di punto portandoli al 3.00%.
 
Market Movers
Alle 10:00 l’indice IFO tedesco atteso a 110.5 contro la rilevazione precedente a 110.7. Alle 14:30 il dato sugli ordinativi di beni durevoli (core) atteso in risalita al 0.6% contro il precedente a 0.1%.
Nella notte tra oggi e domani anche vari dati in arrivo dal Giappone dove terrà banco l’indice inflazionistico core su scala nazionale in aumento a 1.4% contro il precedente a 1.3% e relativo alla città di Tokyo in sensibile risalita a 2.8% contro il dato precedente a 1.0%.
 
bonus senza deposito per opzioni binarie


EURUSD
Come anticipato ieri la settimana è totalmente interlocutoria su EURUSD dove la moneta unica, in assenza di eventi particolari e con il 25 aprile alle porte, continua a muoversi nel solito range 1.38 – 1.3850 già identificato la scorsa settimana. Muoveranno il mercato l’indice tedesco IFO sulla fiducia del settore economico e gli ordinativi di beni durevoli negli Stati Uniti, ma salvo grandi sorprese gli operatori non si aspettano movimenti particolarmente rilevanti.

GBPUSD
Interlocutorio anche il cable con la sterlina che rimbalza in queste ore dai minimi a 1.6760 dove si era piazzata ieri sulla pubblicazione dei verbali della BoE. Ma l’economia d’Albione rimane tonica e soprattutto per il fatto che i livelli attuali sono i massimi da inizio anno e ci troviamo in concomitanza di diverse festività, il prezzo non risponde immediatamente al rialzo fatto segnare dall’economia reale. Le attese per un ulteriore rialzo della sterlina inglese contro biglietto verde è dato dagli analisti quasi per scontato, ma non ancora attuato.

AUDUSD
Capitolo a parte per l’aussie dove sono mutate le condizioni tecniche che hanno portato alla travolgente cavalcata delle ultime settimane, anche se il quadro macroeconomico è solo leggermente deteriorato. Come conseguenza, abbiamo descritto un movimento fortemente negativo la notte tra lunedì e martedì a cui è seguito un assestamento laterale proseguito fino a queste ore. Tecnicamente si può parlare di inversione di trend anche se permangono i fondamentali positivi e legati al carry trade, ma sarà necessario che i dati macro delle prossime settimane ritornino a far segnare risultati con il segno più.

Nuova Zelanda: banca centrale alza tassi al 3%, alzate stime crescita
La Reserve Bank of New Zealand (Rbnz) ha alzato di 25 punti base il livello dei tassi di interesse portandoli al 3% in scia al rafforzamento della crescita economica. Si tratta del secondo rialzo dei tassi consecutivo. La Rbnz ha aggiunto che l'entità e la velocità del rialzo dei prossimi rialzi del costo del denaro dipenderà e in particolare dall'evoluzione delle pressioni inflattive, incluso l'eventuale effetto calmierante sull'inflazione di un rialzo del tasso di cambio. Le stime sulla crescita economica sono state riviste al rialzo con il Pil dell'anno fiscale che si chiude a marzo visto in crescita del 3,5% dal 3,3% indicato in precedenza.

Facebook: ricavi trimestrali balzano del 72%, utili oltre le attese!
Superato a pieni voti l'appuntamento con i conti trimestrali per Facebook. Il colosso americano dei social network ha comunicato ieri a mercato chiuso di avere archiviato il primo trimestre dell'esercizio 2014 con un giro d'affari che è balzato del 72% a 2,5 miliardi di dollari, battendo le attese degli analisti ferme a 2,36 miliardi di dollari. Quasi triplicati i profitti che si sono attestati a 642 milioni, ossia 25 centesimi ad azione, contro i 219 milioni, ossia 9 centesimi, registrati un anno prima. Al netto delle poste non ricorrenti l'utile per azione (Eps) è stato pari a 34 centesimi rispetto ai 24 centesimi indicati dal consenso Bloomberg. Buone nuove anche dal fronte utenti mensili che sono saliti del 15% a 1,28 miliardi al 31 marzo 2014. "Facebook ha registrato un trimestre solido e in crescita, è stato un ottimo inizio per il 2014," ha dichiarato Mark Zuckerberg, numero uno e fondatore del gruppo di Menlo Park.
avatrade
comments powered by Disqus